Cena della Vigilia col Clan Jonathan!

“Come? … pranzare in casa?
Pranzare in casa è male
Oggi ch’è la vigilia di Natale! […]
Un po’ di religione, o miei signori:
si beva in casa, ma si pranzi fuori.”

“La Bohème”, G. Puccini su libretto di G. Giacosa, L. Illica

CenaNatale

Anche quest’anno il Clan Jonathan vi invita alla tradizionale Cena di Natale! Per partecipare è necessaria la Prenotazione, quindi contattate Alessandro (alexvastola@gmail.com) o MariaAdele (maria.adelepi@gmail.com)

Trovate ulteriori Informazioni QUI

Vi Aspettiamo Numerosi!

“Sulle orme di Abramo, Gesù e Maometto…” Siamo arrivati!

Il Clan Jonathan è lieto di presentarvi “Sulle orme di Abramo, Gesù e Maometto…”

Un’installazione artistica per raccontare ciò che il Clan ha visto, sentito, gustato e provato nel suo percorso di scoperta sulle tre grandi religioni conclusosi con il viaggio in Terra Santa di Agosto.

L’installazione sarà visitabile presso il Convento di S. Nazzaro dalle 17:00 alle 18:00, e dalle 19:15 alle 20:30 di Sabato 14 Novembre.
Nella pausa siete invitati alla S. Messa in cui accoglieremo insieme la Luce della Pace che arriva da Betlemme.

LocandinaSperiamo vivamente che sia un regalo gradito a quanti hanno sostenuto il nostro sogno.

Grazie ancora per tutto ciò che avete fatto per noi!

Clan Jonathan

One Way

logo_route_nazionale_2014Viaggiare. Vedere dal vero qualcosa che per molto tempo è stato solo un’illustrazione in un vecchio dizionario: un geyser, una cascata, la Baia di Napoli. […] Vedere quello che si è sempre sognato di vedere. Ma che cosa si è sempre sognato di vedere? Le grandi Piramidi? […] La tomba di Marx? Quella di Freud? Bouchara e Samarcanda? […] O invece, scoprire ciò che non si è mai visto, ciò che non si immaginava. Ma come dare degli esempi: non si tratta di quello che è stato inventariato, giorno dopo giorno, nella gamma delle sorprese o delle meraviglie di questo mondo; non è il grandioso, nè l’impressionante, e neanche necessariamente l’estraneo: sarebbe, al contrario, la familiarità ritrovata, lo spazio fraterno…

Georges Perec, Specie di Spazi

Quindi si parte.

Il Clan Jonathan ha deciso di iscriversi alla Route Nazionale 2014 i per condividere le Strade di Coraggio che imboccherà insieme a centinaia di altri clan quest’anno.

La Route Nazionale è un evento storico (dal 1986 non ce n’era una) e unico nel suo genere, e il Clan Jonathan ci sarà. 

13.10.13

Foto di gruppo GdP 2013

“…guardate lontano,
e anche quando credete di star guardando lontano,
guardate ancora più lontano!”
(sir Robert Baden-Powell)

13.10.13 – data quasi palindroma, magari magica
13.10.13 – ritornello martellante, da non dimenticare
13.10.13 – giorno come gli altri. O forse, no.

Con immensa gioia, e un pizzico di emozione, la Comunità Capi del gruppo scout Agesci Novara 6 è lieta di invitarvi alla cerimonia che segnerà la nascita di un nuovo gruppo scout per la città di Novara, il Novara 13.

Nato dal desiderio di dare una risposta concreta alla richiesta di nuove agenzie educative avanzata dal territorio, il progetto di apertura del Novara 13 affonda le sue radici negli anni 2000 e si è sviluppato per un decennio tra fatiche e successi. Domenica 13 ottobre il nuovo gruppo scout vedrà la luce definendo la propria identità autonoma rispetto al gruppo “storico”, il Novara 6.

Vi aspettiamo dunque per festeggiare questo passo importante e per chiedere al Signore di benedire la strada dei due gruppi scout della città, durante la Santa Messa:

domenica 13 ottobre 2013
alle ore 10:00
Convento di San Nazzaro della Costa
(ingresso sede scout)

Per chi avesse condiviso il cammino scout, e lo desiderasse, è gradita la presenza in uniforme. In caso di pioggia la cerimonia si svolgerà presso l’Istituto Salesiano San Lorenzo, ingresso di viale Ferrucci.

Certi di vedervi numerosi, vi salutiamo fin da ora con un abbraccio fraterno,
Paola e Vittorio, con la Comunità Capi

scarica l’invito ufficiale

Il Clan Jonathan è in Terra Santa

Salmo 122

Quale gioia, quando mi dissero:
«alla casa del Signore!».
Già sono fermi i nostri piedi
alle tue porte, Gerusalemme!
Gerusalemme è costruita
come città unita e compatta.
È là che salgono le tribù,
le tribù del Signore,
secondo la legge d’Israele,
per lodare il nome del Signore.
Là sono posti i troni del giudizio,
i troni della casa di Davide.
Chiedete pace per Gerusalemme:
vivano sicuri quelli che ti amano;
sia pace nelle tue mura,
sicurezza nei tuoi palazzi.
Per i miei fratelli e i miei amici
io dirò: «Su te sia pace!».
Per la casa del Signore nostro Dio,
chiederò per te il bene.

Dopo le vacanze di branco Waingunga e Seeonee ed i campi estivi di reparti Orsa Maggiore, Stella Polare e Mizar è giunto il momento dei rover e delle scolte del Clan Jonathan. Ora che sono partiti (e arrivati) da due giorni possiamo dirlo senza indugio:

il Clan Jonathan è finalmente in Terra Santa!

25blarge (1)

Dopo la prima giornata a Cana in Galilea ora pare che si trovino nei pressi del Monte Tabor. Giungono i primi aggiornamenti in diretta:

Giorno 1 –  giovedì 23 agosto

Il viaggio è andato benissimo, il clan è arrivato a Cana  (Kafr Kana) che dista circa un’ora e mezza dall’aeroporto di Tel Aviv e sono stati accolti dalla parrocchia di padre Francesco che li ospiterà fino a sabato. L’accoglienza è stata ottima: gli ospiti sono stati definiti “molto ospitali”!

– Messaggio inviato da Ale alle 5:38

Giorno 2 – venerdì 24 agosto

Ciao Paola,
Il Tabor è un monte connesso quindi ti scrivo.
Qui va tutto bene: siamo al Tabor ed in questo momento i ragazzi stanno facendo il deserto. Ieri siamo stati a Nazareth: il clima è buono, ma non c’è ancora il giusto trasporto. Chi ci ospita ci sta trattando molto bene: si mangia a sazietà e pure qualcosa di più. Padre Francesco ce l’ha un po’ con i muslim, quindi le conversazioni tendono a sparlare degli islamici e ci invita a far figli perché anche noi non diventiamo minoranza come loro. I ragazzi si stanno interrogando parecchio sulla questione e devo dire che sembra esattamente ciò che stavamo cercando cioè il dialogo-conflitto tra le religioni. Di ebrei qui non ci sono e se ne parla solo come entità politica, della quale ci viene sottolineata la cupidigia nei confronti dei territori delle altre comunità religiose.

Un saluto ed un abbraccio a tutti.

Pusi per clan Jonathan

– Email inviata dal Pusi direttamente dal Monte Tabor

Giorno 3 – sabato 25 agosto

Ieri il clan è stato al lago di Tiberiade (compreso bagno nel lago!), oggi – a malincuore – i ragazzi hanno lasciato Cana e la generosa ospitalità di padre Francesco e si sono diretti verso Gerico, con pausa relax presso il mar Morto (e i suoi fanghi!). Domani, all’alba, li attende una camminata nel deserto presso Gerico e poi, finalmente, l’arrivo a Gerusalemme.

1234803_10151829004329311_866904520_n

Giorno 4 – domenica 26 agosto

Ciao Paola!
La parrocchia di Jericho ci ha concesso la sua linea wireless. È un po’ che non ci si sente, quindi cerco di mettere ordine.
L’altro ieri (sabato 24) siamo andati a Cafarnao: abbiamo visitato la casa di Pietro e la sinagoga dove ha insegnato, quindi la chiesa del primato dove c’è la pietra di Pietro su cui è stato metaforicamente fondata la chiesa.
Successivamente ci siamo recati al kibbutz di Ein Gev che sta tra il lago di Tiberiade e le alture del Golan da dove i siriani sparavano agli ebrei del kibbutz! E’ stato un incontro molto interessante: finalmente con un ebreo non osservante, ma con delle idee ben precise sulla terra che abita.
In serata ci è stata data – in un monastero – la possibilità di avere una spiaggetta solo per noi per fare il bagno nel lago di Tiberiade.
Tornati a Cana c’è stata la ormai consueta abbuffata con padre Francesco (abuna Francesco) ed abuna Rafael e i ragazzi scout della parrocchia.
Il mattino seguente (domenica 25) abbiamo partecipato alla messa della parrocchia con tutta la comunità: abbiamo fatto il canto Tu sei la mia vita in arabo ed in italiano e loro si sono innamorato del nostro Santo (rock)! Dopo la messa tutta la parrocchia è rimasta nel convento per un caffè tutti insieme: dolci, canti e scambio di regali per salutarci.
Dopo aver pranzato siamo andati al Mar Morto a sguazzare nei tonificanti fanghi, quindi ci siamo diretti a Jericho dove siamo stati accolti da abuna Anthony, un frate americano dalla vita molto avventurosa.
Questa mattina (lunedì 26) alle 4 ci siamo svegliati per raggiungere il deserto ed il monastero ortodosso di san Giorgio: gran posto! Qui si dice che Elia sia vissuta in una grotta su queste pareti rocciose.
Questa è la cronaca: tra 3 ore partiamo per Gerusalemme e non vediamo l’ora poiché è da un anno che ci pensiamo e ne parliamo! Speriamo sia come c’è la immaginiamo o meglio!
Un saluto fraterno da tutto il clan.

Giorno 5 e 6 – lunedì 27 agosto e martedì 28 agosto

La giornata di martedì 27 è stata interamente dedicata a Betlemme: il clan è stato al Campo dei pastori e alla basilica della Natività (dove è stata celebrata la messa di…Natale!). Quindi i ragazzi hanno potuto conoscere la realtà del Baby Caritas Hospital, un ospedale pediatrico di eccellenza che cura gratuitamente i bambini palestinesi, sia cristiani che musulmani. L’incontro con suor Donatella (che lavora in ospedale) è stato molto utile per capire meglio la situazione di Betlemme e dei Territori palestinesi.

Per ora è tutto. A presto!

– Messaggio inviato da Ale

Vi aggiorneremo appena avremo altre notizie!